.
Annunci online

comemipiace
opinioni su letteratura, cinema, attualità e non solo
POLITICA
5 novembre 2012
Alice nel paese dei giornalisti

Confesso che ero molto indecisa su come intitolare questo post.

Avrebbe potuto essere “La Fornero e le parole”. O “Una micidiale gaffeuse”. Oppure “Le parole sono pietre”. O ancora, troppo volgare, “Ma ci è o ci fa?”

Il senso finale non variava, trattandosi sempre, alla fine, del rapporto tra politici, comunicazione e media.

Un rapporto che, in questo momento storico, in Italia, è subordinato alla temporanea sospensione della democrazia che, come ben sappiamo e vediamo, ha portato al potere un gruppo di tecnocrati – uso il termine nell’accezione più neutra possibile – provenienti dai mondi finanziari, imprenditoriali e universitari.

 

Già, universitari: come Elsa Fornero, appunto. Quando avevo appreso della sua nomina, pur non avendo mai letto nulla di suo, avevo gioito. Finalmente una donna competente, assunta non per la sua giovane età né per la freschezza della sua pelle né per la simpatia né per presunte liaison più o meno imbarazzanti, ma solo e soltanto per la competenza maturata nel pluriennale studio del welfare e, in particolar modo, del sistema pensionistico.

 

A un anno dalla nomina, che cosa constatiamo? Che il ministro Fornero, persona (presumo) abituata a parlare in privato o, al massimo, davanti a folte platee di studenti e colleghi, si sta lentamente rendendo conto che la comunicazione politica non è, come quella, diretta, ma filtrata e resa a un pubblico di destinatari di secondo livello (i fruitori dei mass media) dai mass media stessi. I quali, se si escludono più o meno brevi video postati sui social network, tendono per loro natura a condensare, sintetizzare, spesso sparare con titoli ad effetto.

E non posso non stupirmi dello stupore del ministro. Anzi: della lentezza con la quale ha infine recepito la situazione, stupendosene infine come un’Alice nel paese dei giornalisti.

 

Già, perché questa dolorosa presa di coscienza è maturata dopo una lunga incubazione fatta di micidiali gaffe (ultimo il “choosy” dei giovani troppo schizzinosi) che mi facevano provare una gran pena per il ministro, così evidentemente indifeso... ma possibile che non potesse assumere un addetto stampa, un p.r. in gamba, che rilasciasse le dichiarazioni al posto suo? Che le tappasse la bocca ogniqualvolta compariva un microfono? Possibile che soffrisse di quell’incontinenza verbale che, talvolta anche in politici navigati, fa perdere il senso del luogo e del tempo finendo per esporsi al ridicolo? (Benché, ritengo, nessun politico italiano di professione, escluso forse Giovanardi, sia mai arrivato a certi livelli di autolesionismo)

Possibile, soprattutto, che una persona della sua esperienza specifica, non capisse che il Paese soffre ed è diventato estremamente suscettibile ai temi del lavoro, della cassa integrazione, della sottoccupazione giovanile, della perdita di speranza nel futuro? Che non conviene toccare i nervi scoperti di un animale ferito?

Ma chi la consiglia, mi sono spesso chiesta.

 

Probabilmente, nessuno. Il ministro Fornero ha l’età e la maturità per parlare a proprio nome, senza prestavoce. Il guaio è, appunto, che non solo è abituata a parlare a proprio nome, ma anche a dire quello che pensa, senza filtri.

E adesso - troppo tardi, a mio parere - sta lentamente realizzando che, nel momento in cui assumi un ruolo politico, non solo non puoi più permetterti di dire tutto quello che pensi nell’esatto momento in cui lo pensi (già Sally lo rimproverava ad Harry in tempi non sospetti, e lui non era neanche un politico), ma devi munirti di armi retoriche che la Fornero non possiede, o se le possiede non è abituata ad usarle. Armi purtroppo indispensabili come la simulazione e la dissimulazione, non ignote a Sun-Tzu o, anche solo restando dalle nostre parti, a Machiavelli.

 

E pensavo, allontanandomi da queste alate riflessioni sulla retorica, a un ottimo film tv appena visto su Rai Tre, Game change (Usa 2012), imperniato sulla campagna elettorale del duo McCain-Palin del 2008. Dove la tesi sostanziale, abbastanza convincente, è quella di una Sarah Palin incoscientemente e frettolosamente reclutata per recuperare voti tra donne, giovani e ultraconservatori, ma rapidamente tracimata e andata a male a causa degli stessi difetti che ne facevano una star: l’eccessivo entusiasmo, l’eccessiva fiducia in se stessa, l’immodestia unita a una spaventosa ignoranza, la propensione alla gaffe. E, si sa, coloro che Dio vuole perdere, li acceca.

Ah, dimenticavo: le interpretazioni di Ed Harris, Woody Harrelson e soprattutto Julianne Moore sono fantastiche.

 

Non credo che la Fornero abbia gli stessi difetti della Palin, se non altro per livello e provenienza culturale. Né credo che un rapido corso di tecniche di comunicazione con i media le servirebbe granché; credo, anzi, che lei stessa abbia focalizzato il punto critico e, con lodevole concretezza, abbia pensato al modo più efficace per estirpare il problema alla radice: non far più ascoltare ai giornalisti i suoi interventi pubblici. Sentiamo, a riprova, che cos’ha detto il 5 novembre ad un convegno torinese, dopo aver invano cercato di lasciare i giornalisti fuori dalla porta:

“Saranno gli errori a fare i titoli, perché succede sempre così: tu parli per 40 minuti e dici cose sensate e positive. Poi ti scappa una parola e basta quella per fare il titolo, basta quella per determinare dibattiti che durano settimane. E questo è uno stato del mondo, ed è inutile lamentarsene.”

Ma, benedetta donna, invece di lamentarsene adesso, non poteva pensarci prima?

politica interna
17 novembre 2011
Beata ingenuità

Non è che li conosca tutti.

Di persona solo uno: il professor Ornaghi, mio indimenticabile docente di Politologia alla Cattolica nell'anno accademico 1990-91.
Severissimo, invitava ad allontanarsi dall'aula chiunque osasse parlare durante le sue lezioni ed era il terrore di molti. Ma da lui abbiamo imparato moltissimo, innanzitutto la passione per quello che si fa, e in secondo luogo che non si ottiene nulla senza impegno e sudore. Le sue lezioni le sbobbinavamo quasi tutti, per non perderci una parola, con i nostri gracili registratori appoggiati sul bancone in quel cinema; quante ore passate a riscrivere.
Ce li ho ancora quei quadernoni, letti, sottolineati, risottolineati, imparati, anzi, uno dei miei grandi rimpianti è di aver venduto, tra gli altri, i libri di testo del suo esame, che non erano suoi ma di Miglio (quando non si era ancora invaghito della Lega) e altri. Alla fine presi un bel 27, che contribuì alla media ma non mi permise comunque di fare la tesi con lui, che accettava soltanto studenti dal 28 di media in su.

Su Monti e gli altri, di cui conosco vagamente le biografie professionali, una considerazione si impone: sono tutti esperti di qualcosa, per la precisione di quel qualcosa che gestiranno come ministri. Per una volta (la prima e l'ultima) vedremo occupato ogni dicastero da una persona che ha studiato e lavorato tutta la vita in quel settore.
Per una volta non vedremo Mastella o Castelli alla Giustizia, Giovanardi alla famiglia, Burlando ai Trasporti, la Carfagna alle Pari Opportunità, Rutelli che non sa neanche l'inglese ai Beni Culturali.

Governo delle banche? Governo della Goldman Sachs? Governo dei bocconiani? Sono solo sciocchezze un tanto al chilo.
A prescindere che, da anni, mi sono convinta che noi italiani non siamo ancora maturi per la democrazia (vedi anche il gustoso sfottò su Carmilla...) e che andremmo direttamente commissariati dalla UE.

Ma comunque la si voglia vedere, resta il fatto che, ad esempio, le donne chiamate da Monti non sono le mogli, le amanti, le pretoriane di qualcuno: sono lì per i loro meriti personali e non per quelli del loro chirurgo plastico.
Prendiamo la Cancellieri: già prefetto di lungo corso, fu inviata da Maroni a salvare la città di Bologna, in qualità di commissario, quando lo scandalo Cinzia Cracchi travolse l'indegno sindaco Delbono, Pd e pure mantovano d'origine; poi, quest'anno, lo stesso compito le è toccato per Parma, dove è toccato alla stracorrotta giunta di centrodestra guidata da Pietro Vignali dimettersi in blocco dopo che da mesi i cittadini esasperati chiedevano loro di sparire.
E chiediamoci: è di destra, è di sinistra, è un'incapace, questa signora? Non credo, credo anzi che sia uno di quei personaggi poco glamour ma con molta sostanza che vengono spediti a recuperare le situazioni disperate quando gli eletti, i democraticamente eletti, si mostrano incapaci e soprattutto indegni.

Passera, al di là delle facili ironie che anche a me vengono spontanee (con un nome così in organico, neppure Berlusconi può avere qualcosa da ridire), è quello che ha risanato i bilanci del carrozzone Poste Italiane e creato il gruppo bancario Intesa-San Paolo.

La Fornero, allieva di Castellino e moglie di Deaglio (l'economista, non il giornalista), è una superesperta di welfare e soprattutto di pensioni, e sta già pensando a una riforma più equa per tutti e più flessibile per tutti, nonché a maggiori tutele per le donne lavoratrici in maternità.

E potrei continuare, ma lo spread non è ancora sceso e i ministri non hanno ancora avuto il tempo di fare niente.
Per cui mi limito agli auguri di fare bene, di fare il bene del Paese e di farlo in fretta. Peggio dei precedenti, non è possibile.

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

La democrazia è fatta per gli anglosassoni: noi latini andiamo dietro a chi urla più forte (Antonio Tabucchi, Sostiene Pereira)

E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia (Blade Runner)

Il bello di essere al governo è che se una cosa non ti piace, puoi  renderla illegale (I love Radio Rock)

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità, contenuti e grafica l'autore declina pertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post.

Il materiale inedito è proprietà letteraria dell'autore del blog.

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog




IL CANNOCCHIALE