.
Annunci online

comemipiace
opinioni su letteratura, cinema, attualità e non solo
letteratura
14 marzo 2011
Regola n. 8: spiritismo, sciò!

No. 8 - The problem of the crime must he solved by strictly naturalistic means. Such methods for learning the truth as slate-writing, ouija-boards, mind-reading, spiritualistic se'ances, crystal-gazing, and the like, are taboo. A reader has a chance when matching his wits with a rationalistic detective, but if he must compete with the world of spirits and go chasing about the fourth dimension of metaphysics, he is defeated ab initio.
(N. 8 - Il problema presentato dal delitto dev'essere risolto con metodi rigorosamente scientifici. Metodi di scoperta della verità che si basano su lavagnette e tavolette parlanti, lettura del pensiero, sedute spiritiche, sfere di cristallo e simili, sono assolutamente vietati. Un lettore può competere con un detective raziocinante, ma se deve gareggiare col mondo degli spiriti e rincorrere la quarta dimensione della metafisica, allora è battuto in partenza.)

Nella regola numero 5 la razionalità era contrapposta al caso (Al colpevole si deve arrivare attraverso deduzioni basate sulla logica, non per caso o coincidenza o confessione senza motivo), nella numero 8 la dicotomia è invece razionalismo/irrazionalismo.
Anche ai tempi di van Dine, naturalmente, imperversava la narrativa fantasy, che dall’800 a oggi si è declinata in varie forme e mode: lo spiritismo, i vampiri, i medium... Da qui la sua idiosincrasia nei confronti del genere, di rigidità tipicamente vandiniana ma umanamente comprensibile.

Personalmente ritengo che se uno scrittore riesce a creare un mondo alternativo coerente al suo interno, il contenuto vada sempre bene. Penso altresì che sia difficile far coincidere questo mondo fantasy con un giallo classico basato su delitto-indagine-soluzione.
La stessa Christie scrisse una pregevole raccolta di racconti “fantastici” (Il segugio della morte, 1933) contenenti un solo giallo razionalista, lo splendido Testimone d’accusa. I rimanenti racconti del giallo non hanno né l’ambizione né la struttura, essendo fondati su presupposti alla Poe e sulla ricerca dell’effettaccio soprannaturale. Riusciti? Sì, certo, ma si coglie l’incertezza, l’impaccio con cui si muove la Signora in territori a lei - così amante della virtù britannica del commonsense - poco usuali.

Citerò invece come vero e proprio horror, nel senso che mi riempie d’orrore constatare come ci siano editori pronti a incoraggiare simili vergogne, una delle tante derive (erotica, fantastica, manuali di self-help, romanzi dalla parte di Darcy etc. etc.) dei romanzi di Jane Austen: ebbene sì, Jane Austen.
Negli ultimi anni il suo santo nome è stato associato a porcherie pseudohorror dagli espliciti titoli quali Orgoglio e pregiudizio e zombie (ed. italiana 2009) o pseudogiallastre come Orgoglio e preveggenza, Sospetto e sentimento, Le ombre di Pemberley, L’enigma di Mansfield Park. Laddove gli ultimi quattro sono, purtroppo, gialli soprannaturali. Illeggibili, credetemi, e soprattutto imbarazzanti.
Se proprio hai il prurito di fare lo scrittore, santo cielo, inventati qualcosa di tuo, invece di andare a tirare fuori dalla tomba il venerabile cadavere di una vera, grande scrittrice.

sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

La democrazia è fatta per gli anglosassoni: noi latini andiamo dietro a chi urla più forte (Antonio Tabucchi, Sostiene Pereira)

E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia (Blade Runner)

Il bello di essere al governo è che se una cosa non ti piace, puoi  renderla illegale (I love Radio Rock)

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. L'autore, inoltre, non ha responsabilità per quanto riguarda i siti cui è possibile accedere tramite i collegamenti interni al sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog offra questi collegamenti non ne implica l'approvazione, sulla cui qualità, contenuti e grafica l'autore declina pertanto qualsiasi responsabilità, così come declina responsabilità di qualsiasi tipo sui commenti inerenti ai post.

Il materiale inedito è proprietà letteraria dell'autore del blog.

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog




IL CANNOCCHIALE